PRENDERE UNA LEPRE – Presentazione Libro

Venerdì 28 novembre – ore 18.30
@Wood – Via Roma, 78/80, 28041 Arona

“Prendere una lepre” è un libro di ricette, ma forse nemmeno; lo si intuisce già dal sottotitolo, “La nuova scienza in cucina e il corretto nutrimento dell’anima”.
È un ricettario in cui i protagonisti sono gli animali, ma non da mangiare.
Con tono spiritoso, poetico, astratto o speculativo le ricette di Biagio Bagini sono una proposta di approccio veg alla tradizione di alcuni tra i piatti più celebri dell’eredità artusiana. Nutrire, osservare, giocare, sfidare o anche solo considerare come compagni d’avventura gli animali favorisce il nutrimento dello spirito.
Ogni ricetta è accompagnata da una tavola originale di Giuseppe Palumbo, eseguita in un bicolore dal sapore antico.

Il libro sarà presentato nella cornice del Circolo Wood, in collaborazione con le associazioni Free Tribe e Samsara, in abbinamento a un aperitivo vegetariano.
Sulle pareti del Circolo saranno esposte le tavole originali delle illustrazioni del libro, realizzate da Giuseppe Palumbo.

Intanto, potete seguire Bagini e il suo progetto sulla sua pagina Facebook [https://www.facebook.com/prendereunalepre].

Biagio Bagini è autore di programmi radiofonici per Rai Radio2 (I Cicci Skicci, Giada, Lucilla.G), ha scritto e musicato storie per la Tv (Glu Glu –Rai Sat Ragazzi) ed è autore di numerose canzoni per bambini. Per Lavieri, con Marcella Moia, ha pubblicato Cappuccetto chi? e Ciccio B – Vomitor e altre storie.

Giuseppe Palumbo (Matera, 1964) ha cominciato a pubblicare fumetti nel 1986 su riviste quali Frigidaire e Cyborg, alle cui pagine affida il suo personaggio più noto: Ramarro, il primo supereroe masochista. Nel 1992 entra nello staff di Martin Mystére della Sergio Bonelli Editore e nel 2000 in quello di Diabolik della Astorina. Tra le recenti numerose pubblicazioni: Diario di un pazzo (Comma 22, 2005), adattamento di un racconto di Lu Xun; CUT Cataclisma (Comma 22, 2006); Tomka, il gitano di Guernica (Rizzoli, 2007), su testi di Massimo Carlotto; Un sogno turco (Rizzoli, 2008) e, prodotti da Palazzo Strozzi Firenze, Eternartemisia e Aleametron (Comma 22, 2008). È inoltre autore del primo saggio di critica storico-letteraria a fumetti, L’elmo e la rivolta. Modernità e surplus mitico di Scipioni e Spartachi (2011), su idea e testi di Luciano Curreri. Per Lavieri ha pubblicato Uno si distrae al bivio. La crudele scalmana di Rocco Scotellaro (2013).

Annunci
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: